Dovremmo ricordare ogni guerra, ogni uomo morto ammazzato in nome di un ideale che non ha senso. E dovremmo farlo ogni giorno, ringraziando Dio o la buona sorte per quello che noi abbiamo.Dovremmo guardarci attorno e renderci conto che ancora ci sono persone che professando tanto buonismo si allontanano da una persona di colore o disabile. Che ha il coraggio di prendere in giro persone soltanto perché hanno un diverso orientamento sessuale.Dovremmo renderci conto che è la Chiesa stessa a farlo e che noi ancora le stiamo dietro quando dovremmo essere soltanto persone libere! Libere da una religione che non ha mani fatto niente in passato per le due grandi guerre, per la guerra in Vietnam, per le continue guerriglie palestinesi e israeliane e per tutte le altre guerre che hanno distrutte Paesi interi, popoli e tradizioni.Dovremmo essere liberi da questi politici che pensano soltanto alle loro propagande senza spendere una sola parola su fatti importanti, che affossano l’uomo comune con la loro visione materialistica.Dovremmo essere tutti uguali. E non soltanto dicendolo, ma diventandolo.Tutti i giorni.Bisognerebbe insegnare ai bambini il valore della vita, quella propria e quell’altrui.Bisognerebbe che ogni anno, a scuola, ci si prendano anche due ore di tempo per parlare a loro di cose che fanno orrore, che fanno paura. Che ti segnano la pelle in modo indelebile affinché, con coraggio, possano gridare “No!” in un futuro non troppo lontano.Affinché non siano come tutte quelle persone italiane e tedesche che hanno taciuto e hanno dato man forte ai loro regimi.

Dovremmo ricordare ogni guerra, ogni uomo morto ammazzato in nome di un ideale che non ha senso. E dovremmo farlo ogni giorno, ringraziando Dio o la buona sorte per quello che noi abbiamo.
Dovremmo guardarci attorno e renderci conto che ancora ci sono persone che professando tanto buonismo si allontanano da una persona di colore o disabile. Che ha il coraggio di prendere in giro persone soltanto perché hanno un diverso orientamento sessuale.
Dovremmo renderci conto che è la Chiesa stessa a farlo e che noi ancora le stiamo dietro quando dovremmo essere soltanto persone libere! Libere da una religione che non ha mani fatto niente in passato per le due grandi guerre, per la guerra in Vietnam, per le continue guerriglie palestinesi e israeliane e per tutte le altre guerre che hanno distrutte Paesi interi, popoli e tradizioni.
Dovremmo essere liberi da questi politici che pensano soltanto alle loro propagande senza spendere una sola parola su fatti importanti, che affossano l’uomo comune con la loro visione materialistica.
Dovremmo essere tutti uguali. E non soltanto dicendolo, ma diventandolo.
Tutti i giorni.

Bisognerebbe insegnare ai bambini il valore della vita, quella propria e quell’altrui.
Bisognerebbe che ogni anno, a scuola, ci si prendano anche due ore di tempo per parlare a loro di cose che fanno orrore, che fanno paura. Che ti segnano la pelle in modo indelebile affinché, con coraggio, possano gridare “No!” in un futuro non troppo lontano.
Affinché non siano come tutte quelle persone italiane e tedesche che hanno taciuto e hanno dato man forte ai loro regimi.

  1. fuck-the-keep-calm ha rebloggato questo post da thefailedgirl
  2. revolt-in-a-revolted-world ha rebloggato questo post da thefailedgirl
  3. emergedbones ha rebloggato questo post da desiriot
  4. desiriot ha rebloggato questo post da thefailedgirl
  5. suchabeautifulietobelievein ha rebloggato questo post da thefailedgirl
  6. postato da thefailedgirl